Il “Giorno delle verità” dei Negrita? Un plagio!

Oggi ho visto che è uscito il nuovo singolo dei Negrita che si intitola “Il giorno delle verità”.

Premetto che i Negrita mi piacciono parecchio e seguo con attenzione quello che fanno; infatti appena uscito il disco avevo pronosticato fin da subito che il secondo singolo sarebbe stato proprio “Il giorno delle verità” perchè è un pezzo davvero molto bello con una particolarità interessante: lo canta il chitarrista Drigo e non il cantante che gli fa solo qualche seconda voce. E come è noto… il marketing ci sguazza in queste cose! Quindi il pronostico che ho fatto non era poi così impossibile tutto sommato..

Fin da subito questo brano mi ha dato la sensazione di qualcosa già sentito, come succede quasi sempre in questi casi, in un primo momento non mi veniva in mente quale fosse il motivetto che gli somigliasse, poi la folgorazione: la canzone di apertura del film 21, quello sul blackjack.

Questo film me lo sono visto più di una volta per una serie molto lunga di motivi, ma credo che il principale sia la clamorosa rivincita del classico ragazzo nerd, bravo con i numeri, che si mette a “barare” al tavolo del blackjack vincendo somme di denaro molto considerevoli… Probabilmente mi sento molto vicino alla figura del nerd e, come lui, spesso e volentieri cerco di togliermi di dosso quell’etichetta carica di significati negativi. Da non dimenticare l’ennesima eccellente performance di Kevin Spacey nel ruolo di co-protagonista e professore del ragazzo. (Ci ho pure dedicato un post a Kevin Spacey… quasi tutto quello che fa è geniale!)

Tutto questo per arrivare a dire che, secondo il mio modesto parere, le affinità tra il nuovo pezzo dei Negrita e questa canzone dei MGMT, che si intitola Time to pretend tratta dalla colonna sonora di 21, sono talmente evidenti che parlare di plagio non è così fuori dal mondo. Soprattutto il refrain insistito di tastiera è praticamente identico sia a livello melodico che a livello di suono…

Lascio ai posteri l’ardua sentenza…

Ecco il nuovo singolo dei Negrita:

Ecco il pezzo dei MGMT intitolato Time to Pretend:

Piccolo omaggio a Fabrizio De Andrè

Oggi si celebra il tredicesimo anniversario della morte di Fabrizio De Andrè, a mio parere il più grande cantautore italiano di sempre, per cui volevo dedicargli questo breve post per ricordarlo e per ricordare una delle sue canzoni (meno conosciuta di altre), ma sicuramente tra le mie preferite!

I suoi testi sono delle vere e proprie poesie messe in musica, le immagini che ci ha regalato sono ancora di una attualità sconvolgente e credo che questo sia più di ogni altra cosa: la prova del suo genio, che sopravviverà al tempo e alle generazioni che verranno!

Ho scelto un pezzo che parla della rivoluzione sessantottina e di un periodo in cui lo stato viene visto come un nemico dai cittadini, dove il cambiamento, sebbene osteggiato, era comunque dietro l’angolo!

Canzone del Maggio

“Anche se il nostro maggio
ha fatto a meno del vostro coraggio
se la paura di guardare
vi ha fatto chinare il mento
se il fuoco ha risparmiato
le vostre Millecento
anche se voi vi credete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se vi siete detti
non sta succedendo niente,
le fabbriche riapriranno,
arresteranno qualche studente
convinti che fosse un gioco
a cui avremmo giocato poco
provate pure a credevi assolti
siete lo stesso coinvolti.

Anche se avete chiuso
le vostre porte sul nostro muso
la notte che le pantere
ci mordevano il sedere
lasciamoci in buonafede
massacrare sui marciapiedi
anche se ora ve ne fregate,
voi quella notte voi c’eravate.

E se nei vostri quartieri
tutto è rimasto come ieri,
senza le barricate
senza feriti, senza granate,
se avete preso per buone
le “verità” della televisione
anche se allora vi siete assolti
siete lo stesso coinvolti.

E se credete ora
che tutto sia come prima
perché avete votato ancora
la sicurezza, la disciplina,
convinti di allontanare
la paura di cambiare
verremo ancora alle vostre porte
e grideremo ancora più forte
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti,
per quanto voi vi crediate assolti
siete per sempre coinvolti”

 

Grazie

Che musica ascolti?

Questa sera ho molta più voglia di scrivere che di dormire, per cui credo che butterò giù un post sui miei ascolti musicali, che originariamente era stato concepito per il 25 novembre scorso (poi spiegherò il motivo), ma poi ho ripetutamente procrastinato per motivi vari ed eventuali.

Questa sera ho molta più voglia di scrivere che di dormire, per cui credo che butterò giù un post sui miei ascolti musicali, che originariamente era stato concepito per il 25 novembre scorso (poi spiegherò il motivo), ma poi ho ripetutamente procrastinato per motivi vari ed eventuali.

L’innesco che ha scatenato la mia voglia di scrivere, molto probabilmente, è scattato questa sera parlando di mediocrità e del bombardamento di “non-sense things” che subisco/subiamo quotidianamente tramite rapporti pseudo-sociali e social networks, luoghi traboccanti di stereotipi, che sono ormai completamente ricoperti da una patina, tanto stucchevole quanto odiosa, di finto moralismo. Anche filtrare i contenuti non è più sufficiente per arginare questa marea di filosofi del copia e incolla e profeti dei luoghi comuni. Scovare qualche link interessante e qualche contenuto degno di questo nome, è sempre più dispendioso.

Scusate la premessa degna del miglior Sgarbi, ma questa sera, tramite il blog, vorrei combattere un’altra piccola crociata contro la peggior risposta alla migliore domanda che ti possa fare il tuo interlocutore: Che musica ascolti? – Ma, in realtà, io ascolto un po’ di tutto!

Io sono profondamente convinto che dietro una risposta del genere si celino due tipi di atteggiamenti completamente opposti. Il primo è che non ho voglia di parlare di musica con te per cui taglio corto e ti dico la prima “frase fatta” che mi viene in mente per cambiare discorso (l’ho fatto anche io e se me lo sentite dire significa che il dialogo non mi sta esaltando particolarmente!). Il secondo molto più pericoloso e davvero irritante è questo: “siccome non capisco niente di musica e mi piacciono un sacco di canzoni che sento tutti i giorni alla radio, allora vuol dire che mi piace un po’ di tutto”. OMG! (Oh My God ndr) Preferisco di gran lunga quelli che ammettono di non avere una grande passione per la musica o di non essersi mai interessati troppo a quello che ascoltano, sarebbe già una forma di onestà che apprezzerei molto di più, rispetto a chi si nasconde dietro quella frase orrenda spacciandosi un cultore a tutto tondo dell’arte musicale.

Forse sarò paranoico e molto impreciso nella valutazione, ma uno dei parametri con cui mi faccio un’idea su una persona che non conosco, passa anche dalla risposta ad una domanda del genere: che musica ascolti? A sostegno della mia tesi, la mia personale esperienza mi dice che le persone in grado argomentare ad una domanda del genere sono quasi sempre “dotate” anche sotto altri punti di vista intellettuali.

Il gusto musicale poggia su una base davvero personale e credo che sia differente per ogni persona, soprattutto le sensazioni che una canzone e una melodia riesce ad evocare sono molto soggettive e legate, magari, a dei momenti o dei ricordi ben precisi, come ogni altra forma d’arte dopotutto. Proprio per questa caratteristica molto soggettiva del gusto musicale, non penso sia complicato individuare ciò che ci piace da quello che non ci piace e soprattutto sono sicuro che non esista nessuno a cui piaccia tutto come del resto non credo esista nessuno a cui non piaccia nulla.

Ci sono molti criteri con cui si può scegliere ciò che ci piace da quello che non ci piace, per questo sono inevitabilmente attratto dalle persone che hanno dei gusti particolari e sono arrivati ad una conclusione o ad una preferenza, seguendo un percorso di analisi sia personale sia di quello che si può trovare nel panorama musicale attuale.

Saper scegliere vuol dire conoscersi e conoscersi implica inevitabilmente avere qualcosa da dire e da condividere. (E anche la frasetta da bacheca di Facebook me la sono scritta… )

Per questo motivo tendo a non provare interesse verso persone che si nascondono dietro al pensiero comune, visto che spesso e volentieri non hanno molto da condividere oltre a qualche frase triste scopiazzata su Internet. Perseverare nel “non prendere” una decisione o nel “non fare” una scelta sono il sintomo di poca personalità e molto più spesso nascondo la paura apparire diversi da quello che, in teoria, dovremmo essere o perlomeno “sembrare”, questo vuol dire che vi state mostrando per quello che non siete, ergo non musica, rock, last.fm, nickelback non vi fate conoscere!

Ok…sto delirando, sebbene l’argomento mi appassioni molto, evito altre digressioni filosofiche di bassa lega e da cultura post-decandente, per rientrare sull’argomento che volevo sviluppare, cioè: cosa mi piace ascoltare!

Faccio una piccola premessa che credo sia vitale per sviscerare l’argomento. Da 4 anni a questa parte uso un social network che adoro: Last.fm, che mi monitorizza tutti gli ascolti che faccio sul computer, sull’iphone e sull’ipod in auto, per cui quando premo play su un brano della mia libreria, c’è qualcuno che si salva tutte le tracce che ascolto e mi produce in automatico una serie di statistiche davvero interessanti.

Voi continuerete a pensare che sono paranoico (inzio a temerlo anche io…), ma effettivamente dopo 4 anni di utilizzo ossia dal 25 Novembre 2007, ho le idee molto chiare su quello che mi piace ascoltare e penso che sia uno dei metodi più oggettivi in assoluto per valutare il genere musicale che preferisco.

Qualche numero prima della classifica:

  • ascolti totali dal 25/11/2007: 41743

  • che vuol dire 10000 ascolti all’anno

  • che si traducono in circa 830 ascolti al mese

  • oppure se volete 27 ascolti giornalieri

  • circa 350 artisti totali

Certo non avevo bisogno di Last.fm per sapere che mi piace la musica rock e che la mia band preferita sono i Nickelback, ma da questa classifica, che in realtà è molto più lunga, capisco tantissime cose.

Prima di tutto la classifica rispecchia quasi perfettamente l’ordine di gradimento dei gruppi musicali che preferisco, questo vuol dire che per quanto mi possa sembrare di ascoltare sempre cose nuove o di ascoltare un gruppo solo di tanto in tanto, alla fine i miei ascolti sono direttamente proporzionali al mio gradimento.

Questo mi fa pensare che le mie scelte sugli ascolti per quanto possano sembrare casuali, sono pur sempre all’interno del perimetro disegnato dal mio gusto personale. Mi sento libero, ma sono attratto molto di più da quello che mi piace, che in questo caso è un pezzo hard rock, piuttosto che un pezzo di classica o di jazz. Con questo non voglio dire che non ci siano cose che mi piacciono nella classica o nel jazz, ma se posso scegliere dico: rock o hard rock o metal. Semplice.

Poi come sempre, ci sono le eccezioni che confermano le regole: al secondo posto c’è la Bandabardò che sicuramente è molto lontana dal genere di Nickelback, Alterbridge o System of a Down!

Non so se riuscirò mai a spiegarmi il vero motivo per cui “mi piace” un certo tipo di musica e credo che un’analisi completa richieda più tempo di quello che posso spendere per questa mia curiosità, perciò cercherò di stringere il concetto all’osso e vediamo cosa ne esce.

A me piace la musica “suonata”!!! (questa non so come mi sia uscita!!?!?)

Dove per “suonata” intendo musica prodotta da esseri umani che suonano strumenti musicali e non suoni prodotti da sintetizzatori o campionatori vari tipo house music e musica elettronica, ma (attenzione) con questo non voglio assolutamente dire che sono contrario alla tecnologia applicata al suono, perchè per esempio i pezzi dei Nickelback sono dei capolavori di ingegneria del suono creati con l’uso di distorsori e compressori sonori di ogni genere.

Altra componente fondamentale in quasi tutto ciò che ascolto è la complessità del suono, ossia la quantità di componenti che caratterizzano il suono “finale”. Ci sono molti modi per riempire l’immagine sonora prodotta, diciamo che quelli che preferisco sono l’uso (molto spesso l’abuso) di chitarre distorte, i suoni di batteria in primo piano e l’uso di molte linee vocali; questi tre modi di comporre il suono uniti a linee melodiche non troppo complesse, anzi in molti casi piuttosto lineari, mi fanno letteralmente impazzire e rappresentano i tratti caratteristici dell’hard rock moderno, che ha sposato i vecchi riff della musica rock con le capacità tecnologiche odierne di manipolare il suono.

Tutto questo non elude il fatto che il mio gusto musicale è in continua evoluzione, visto che ascolto tantissima musica e sono alla ricerca costante di band che non ho mai ascoltato, ma dopo 15 anni di ascolti qualche idea su ciò che mi piace, ed anche quello che non mi piace, posso tranquillamente affermare di essermela fatta!